ROLANDO CERTA: Nasce a Palermo il 23 aprile 1931, Muore a Budapest il 29 maggio 1987

Da:http://www.trapaninostra.it

Poeta, critico letterario ed operatore culturale.
È vissuto a Mazara del Vallo, città di origine della sua famiglia, dove è stato impiegato di banca e consigliere comunale, del PCI e poi del PDUP, per cinque volte consecutive.
È stato, insieme a Salvatore Giubilato, tra i fondatori del Centro per la cooperazione fra i popoli del Mediterraneo, che aveva sede a Mazara del Vallo e sviluppò un intenso dialogo culturale tra l’Italia ed alcune aree dell’Est europeo e del Mediterraneo.
Ha diretto dal 1971 la rivista «Impegno 70» (poi «Impegno 80»), curandone anche l’omonima collana libraria.
Ha fatto parte dell’Antigruppo Siciliano e del Consiglio Nazionale del Sindacato Nazionale Scrittori.
Come assessore alla cultura di Mazara del Vallo (1965, 1974, 1977-78) ha promosso e diretto gli “Incontri fra i Popoli del Mediterraneo”, occupandosi della stampa dei relativi atti.
Ha curato la pubblicazione dell’antologia Poeti per lo pace (Mazara del Vallo, Impegno 80, 1982), dell’antologia di poeti siciliani Trinacria (Timisoara, Facla, 1984), premettendo un suo ampio saggio sulla cultura siciliana dal titolo Tradizione e realtà poetica dei Siciliani, e della plaquette No Pasaran. Poesie per Salvador Allende e il popolo cileno (Mazara del Vallo, Impegno 70, 1973).
Sue poesie sono state tradotte in francese, inglese, neogreco, macedone, romeno, spagnolo, tedesco, ungherese, albanese, bulgaro, croato-serbo, serbo-croato, turco, arabo e maltese.

Collaborò a giornali e riviste italiani ed esteri:
«Pagine libere» (di cui fu direttore nel 1954-55), «11 Nuovo Corriere Trapanese», «Volontà», «Cenobio», «La Procellaria», «Cynthia», «Ausonia», «Ciclope», «Il Lume», «Previsioni», «L’Italia Contemporanea», «Sala d’Ercole», «Il Fauno», «Rassegna del Sud», «L’Ora», «Prospettive Letterarie», «La Prora», «La Parrucca», «Italia Intellettuale», «La Nuova Italia Letteraria», .Corriere di Sicilia», «L’Agitazione del Sud», «Piccola Tribuna», «Gazzettino dello Jonio», «Trapani Nuova», «Trapani», «Sicilia Oggi» ed altri.
Ha svolto una ragguardevole attività saggistica e di critica letteraria, scrivendo di Murilo Mendes, Mario Certa, Federico Garda Lorca, Orazio Napoli, Rocco Scotellaro, Febo Delti, Boris Vishinski, Kostas Valetas, Bojidar Bojilov, Dimitris Kakavelakis, lon Marin AImajan, Santo Cali, Ljerka Car Matutinovic’ e di altri.

OPERE POETICHE
– Pallido mondo, Mercato San Severino, 1953;
– Eco d’altra voce, Napoli, Prospettive Letterarie, 1959;
– E siamo soli, pref. di O. Napoli, Reggio Calabria, La Procellaria, 1962;
– Una stagione d’amore, Trapani, Celebes, 1970. (Con N. Scammacca e G. Diecidue);
– Paesie, Trapani, Celebes, s.d. (Con G. Diecidue e lo Marusso);
– Sicilia, pecora sgozzata, Mazara del Vallo, Impegno 70,1974;
– Lettera a Leonida Breznev, Mazara del Vallo, Impegno 70,1976;
– Kastalia, Atene, 1978. (Testo in neogreco);
– Se tu ed io ed altri ancora, Mazara del Vallo, Impegno 80,1980; 2a ed. rivoed accresc., 1981;
– Poeta ad Atene, Atene, 1981. (Testo in neogreco);
– La tristezza ha un nome solo, Skopje, 1981. (Testo in macedone);
– Canto d’amore per lo Sicilia, Timisoara, 1982. (Testo in romeno);
– Due poeti siciliani, Atene, 1982. (Testo in neogreco);
– Canto d’amore per lo Sicilia, New York, 1982. (Testo in italiano, siciliano e inglese);
– Ai fratelli di Mahdia, Trapani, 1983;
– Il sorriso della Kore, Atene, 1984. (Testo in neogreco);
– Poeta ad Atene, premessa di G. Barberi Squarotti, Palermo, Il Vertice, 1984;
– Inquietudini poetiche, Zagabria, Goranovo ProIjece, 1984. (Testo in croato-serbo);
– Il sorriso della Kore, premessa di Giuliano Manacorda, Palermo, Il Vertice, 1985;
– Arion, Zagabria, 1985. (Testo in croato-serbo);
– Il sorriso della Kore, Timisoara, Facla, 1987. (Testo in romeno).

OPERE VARIE
– Incontri con i popoli del Mediterraneo. Anno I: Poeti Greci, atti del convegno, 8-10 ottobre 1977, Mazara del Vallo, Comune di Mazara del Vallo, 1979. (Curatore);
– Incontri fra i popoli del Mediterraneo. Anno II: Poeti per lo pace, atti del convegno, 19-23 aprile 1982, Mazara del Vallo, s.e., 1984. (Curatore);
– Incontri fra i popoli del Mediterraneo. Anno III: Io cultura per la pace nel Mediterraneo, atti del convegno, 26-30 aprile 1984, s.i., s.e., s.d. (Curatore);
– IV Incontro fra i popoli del Mediterraneo, 18-22 aprile 1986, Mazara del Vallo, Comune di Mazara del Vallo, s.d. (Curatore).

CRITICA
– C. GANCITANO, «L’Italia Contemporanea», 25 febbraio 1954;
– E. TRONCHI, «Pagine Libere», Mazara del Vallo, luglio-settembre 1954;
– G. CIVELLO, «Corriere Trapanese», 19 luglio 1957;
– R. CARAVAGLlOS, «Trapani Sera», 15 novembre 1958;
– M.C. CATALDI, «Il Faro», Trapani, 11 febbraio 1960;
– F. SACCA’, «L’ltalia intellettuale», agosto-settembre 1960;
– A. LO MONACO APRILE, «Corriere di Sicilia», 26 aprile 1962;
– P. TESTAVERDE, «Il Faro», Trapani, 20 febbraio 1963;
– M. SCUDERI, «Trapani Nuova», 14 maggio 1963;
– L ZINNA, «Il Ciclope», Palermo, luglio 1963;
– S. BONANNO, «La Procellaria», aprile-giugno 1964;
– G. SALVETI, «L’Agitazione del Sud», maggio-giugno 1966;
– N. GIARAMIDARO, «Il Gazzettino dello Ionio», 8 novembre 1969;
– A.M. DI FRESCO, «L’Ora», 31 luglio 1970;
– E. PETIX, “Una stagione d’amore”, «I1 Faro», Trapani, 20 gennaio 1971;
– G. ZAGARRIO, Poesia tra editoria ed anti, Trapani, Celebes, 1971;
– L CHERCHI, La nuova “Scuola siciliana”, «Impegno 70», Mazara del Vallo, l, aprile-giugno 1971, n° 1;
– F.SACCA’, «Corriere di Roma», 3 giugno 1971;
– E. EMILI, “Una possibile poetica per un antigruppo”, «Impegno 70», Mazara del Vallo, 1, aprile-giugno 1971, n° 1;
– B. BONSIGNORE, Esistenzialismo e demitizzazione nella poesia di Rolando Certa, «Impegno 70», Mazara del Vallo, l, aprile-giugno 1971, n° 1;
– F. MOLLIA, di «Lettore di Provincia», gennaio 1972;
– N. SCAMMACCA, «Trapani Nuova», 15 febbraio 1972;
– M. BETTARINI, «Cenobio», gennaio-febbraio 1972;
– L CHERCHI, «Generazione Zero», Messina-Firenze, 1 marzo 1972;
– A. ANSELMI, «L’Unità Trapanese», 13 marzo 1972;
– G. ZAGARRIO, «Il Ponte», 31 marzo 1972;
– M. SCUDERI, «Palladium», Corleone, marzo 1972;
– M. RAPPAZZO, «Gazzetta del Sud», 23 maggio 1972;
– M. SCUDERI, «Cenobio», maggio-giugno 1972;
– G. COTTONE, «Annuario Istituto Magistrale Pascasino», Marsala, 10′, 1972;
– G. ZAGARRIO, «Quasi», gennaio-aprile 1973;
– I. MARUSSO, «La Fiera Letteraria», 15 luglio 1973;
– S. COSTANZA, «Obiettivi», Roma, luglio-dicembre 1973;
– G. MANACORDA, «Rapporti», dicembre 1973;
– P. DI GIORGI, «Il Pensiero Nazionale», 16 gennaio 1974;
– N. SCAMMACCA, «Trapani NUOVA», 19 febbraio 1974;
– N. LAMIA, «Trapani Sera», 27 luglio 1974;
– A. SACCA’, «Trapani Nuova», 6 agosto 1974;
– I. MARUSSO, «Giornale di Sicilia», 20 agosto 1974;
– E. PETIX,«L’Ora», 23 agosto 1974;
– M. PICCHI, «L’Espresso», 25 agosto 1974;
– E.GAGLIANO, «La Provincia», 30 agosto 1974;
– G. MANACORDA, «Rinascita», 13 settembre 1974;
– I. MARUSSO, «La Fiera Letteraria», 15 settembre 1974;
– M. BETTARINI, «Trapani Nuova», 24 settembre 1974;
– E. PETIX, «Trapani Nuova», 19 novembre 1974;
– A. LlPPO, «Il Volto», Pistoia, ottobre-novembre 1974;
– F. DI MARCO, «Impegno 70», gennaio-dicembre 1974;
– G. PANDINI, «Gazzetta di Parma», 19 dicembre 1974;
– E. PUZZANGHERA, «La Procellaria», ottobre-dicembre 1974;
– S. LANUZZA, «Fermenti», gennaio-febbraio 1975;
– L. ZINNA, Concretezza e integralità nella poesia certiana, «Il Punto», Crotone, 2, febbraio 1975, n° 2;
– M. ROSOLINO, «Giornale di Sicilia», 3 aprile 1975;
– E. GAGLIANO, «Prospettive siciliane», 1 aprile 1975;
– S. LANUZZA, «Salvo Imprevisti», gennaio-aprile 1975;
– M. BETTARINI, «Salvo Imprevisti», gennaio-aprile 1975;
– F. DI MARCO, «Trapani Nuova», 6 maggio 1975;
– E. BONVENTRE – F. CILLUFFO, «Trapani Sera», 3 giugno 1975;
– F. HOEFER,«Trapani Nuova», 15 luglio 1975;
– C.G. SANGIGLlO, «La Fiera Letteraria», 24 agosto 1975;
– F. DI MARCO, «Impegno 70», gennaio-settembre 1975;
– M. BmARINl, La poesia integrale di Rolando Certa, «Impegno 70», Mazara del Vallo, 12-18, settembre 1975;
– F. DELFI, «I Erevna», Tricala (Tessaglia), 23 settembre 1975;
– E. BONVENTRE, «Salvo imprevisti», settembre-dicembre 1975;
– F. MANESCALCHI, Dall’Autogestione al Ciclostile, «Impegno 70», Mazara del Vallo, 5-7, 1975-77;
– E. PETIX, «Trapani Nuova», 13 gennaio 1976;
– S. DE BRESSIEUX, «La Legion Violette», Paris, gennaio-febbraio 1976;
– A. SACCA’, «Dimensione A», Roma, febbraio 1976;
– P. ALLEGRINI – A. ALLEGRINI – R. D’ALONZO, Testimonianze di poeti antigruppo, «Quaderni della Malora», Chieti, maggio 1976;
– S. DE BRESSIEUX, «Cenobio», luglio-agosto 1976;
– C.G. SANGIGLlO, «Il Piccolo», 25 agosto 1976;
– A. MARASCO, «La Tribuna del Salento», 23 novembre 1976; 30 novembre 1976;
– G. NOCENTlNI, «Il Michelangelo», ottobre-dicembre 1976;
– A. CARDAMONE, «La Gazzetta Ciociara», 22 dicembre 1976;
– N. LAMIA, «Sicilia Oggi», dicembre 1976;
– Le proporzioni poetiche. 2, a cura di Domenico Cara, Milano, Laboratorio delle arti, 1976;
– F. DI MARCO, in Sicilian Antigruppo, a cura di S. Barkan e SA Scammacca, Menick (N. Y.), Cross-cultural Communications, 1976;
– A. MASSIE, «Akros», Preston, 11, dicembre 1976, n° 32;
– A. GIANNI – C. DE BONI, Materiale per gli anni ottanta, Messina-Firenze, D’Anna, 1976;
– L ZINNA, «Palermosport», 16 gennaio 1977;
– A. LlPPO, «Rassegna Salentina», marzo-aprile 1977;
– G. SALVETI, «Crisi e Letteratura», dicembre 1976 aprile 1977;
– C. FERRARI, «Giustizia Nuova», Bari, 15 novembre 1977;
– G. NAPOLI, «Giornale di Sicilia», 11 aprile 1978;
– G. MANACORDA, «Sintesi», ottobre 1978, n° 10;
– A. MOTTA, Poesia e meridione (1968-1978), in Lingua e storia in Puglia, Siponto (FG), 1978;
– G. MANACORDA, “Lettera a Leonida Breznev”, «Alternativa», Trapani, 1 dicembre 1978;
– M. RAPPAZZO, «Trapani Sera», 21 luglio 1979;
– T. SANGIGLlO, «Il Punto», Crotone, luglio 1979;
– V. MASCARO, Rolando Certa e lo Grecia, «Italia Intellettuale», 32, ottobre-dicembre 1979, n° 73;
– Oltre Eboli: la poesia, a cura di Antonio Motta e Carlo A. Augieri, Manduria (TA), Lacaita, 1979, 2 voli.;
– E CILLUFFO, Pubblicati dal Comune di Mazara gli atti del “I Incontro con i popoli del Mediterraneo”, «Impegno 80», Mazara del Vallo, 1, agosto-ottobre 1980, n° 1;
– A. FURIOTIS, Kastalia, «Impegno 80», Mazara del Vallo, l, agosto-ottobre 1980, n° 1;
– T. ANAGNOSTOU, Rolando Certa: un creatore umanitario, «Trapani», 1981, n° 238;
– G. BARBERI SQUAROTTl, Poeta ad Atene, «Impegno 80», Mazara del Vallo, 4,1981-83, n° 6-12;
– G. GUIDA, L’Incontro con i popoli del Mediterraneo, «Il Punto», Crotone, 1982, n° 3;
– A. CAPRARIU, Poesia senza frontiere, «Il Punto», Crotone, 1982, n° 9;
– A. CREMONA, La poesia di Rolando Certa. Dalla comunicazione alla espressione, «Avvisatore», Palermo, 27 luglio 1983;
– E CARBONE, Testualità e significato ideologico-culturale, «L’Achenio», 1984, n° 4;
– E. GAGLIANO, Fra lo Grecia e lo Sicilia lo poesia di Rolando Certa, «Impegno 80», Mazara del Vallo, 6, 1984-85, n° 16-20;
– R. PIRRONE, Cultura per lo pace, «La Sicilia», 11 aprile 1986;
– S. GIUBILATO, In ricordo di Rolando Certa, «Impegno 80», Mazara del Vallo, 7, 1986-87, n° 24-28;
– S. GIACALONE, Morto il poeta mazarese Rolando Certa, «Giornale di Sicilia», 2 giugno 1987;
– N. GIARAMIDARO, Ricordo di un poeta. Rolando l’entusiasta, «Giornale di Sicilia», 6 giugno 1987;
– R. GIACONE, Da Budapest con dolore, «La Sicilia», 23 giugno 1987;
– In ricordo di Rolando Certa, «11 Punto», Crotone, 1988, n° 1;
– E BARANYI, Omaggio a Rolando Certa messaggero della poesia italiana nel mondo, «Eco-Risveglio Ossolano», 4 febbraio 1988.

Dell’opera di Rolando Certa si sono anche occupati:
D. Argnani, T. Aronis, I.M. Almajan, I. Alexandru, A. Andritoiv, I. Ariesanu, P. Arpad, E Battiato, V. Balteanu, E. Boeriu, B. Bojlov, l. Brad, V. Brett, S.H. Barkan, A. Cremona, A. Contiliano, D. Cranis, D. Ciachir, D. Cetea, S. D’Amaro, G. Diecidue, V. Di Maria, A.M. Di Fresco, E. Dorcescu, S. Damian, I. Evangelou, A. Fonseca, L Fabrini, O. Friggieri, M. Grasso, I. Goudelis, D. Giakos, J. Hirshman, S. Hassen, D. Kokkinos, M. Katsinis, D. Kakavelakis, I. Karavidas, T. Kallighianni, N. Kitanovski, M. Kinel, B. “Mazzi, P. Misserlis, M. Meraklis, M. Mincu, L.C. Matutinovic’, S.E Mustafà, E. Mateeva, O. Napoli, G. Occhipinti, C. Pirrera, V. Passeri Pignoni, G. Papastamou, G.M. Politarxies, A. Popescu, M. Papahagi, B. Poliakovà, A. Pernaris, V. Rossi, L Sciascia, E. Schembari, S. Spagnolo, S. Saccà, V. Santangelo, P. Sfetca, S. Sezer, K.N. Triantafillou, C. e T. Tassoulis, L Ursu, G. Vrellis, B. Vishinski.

Il poeta di Mazara del Vallo Rolando Certa, esponente dell’Antigruppo e direttore degli “Incontri fra i Popoli del Mediterraneo”, poco più che trentenne visita spesso il territorio ellenico affascinato dalla semplicità che rintraccia e che considera similitudine identitaria fra la gente di Sicilia e il popolo greco. Nei versi di I° Maggio Ellenico sente l’esigenza di concentrare la stagione delle utopie di chi, da un’altra sponda del mare nostrum, ha sempre lottato per debellare la tirannide prima nell’animo dei greci, e in seguito nelle istituzioni. Quello di Certa è un tributo alla speranza (Per questo anch’io porto fiori,/ porto fiori a Elpida.), il sentimento che tramuta le parole in rivoluzioni, le illusioni in una nuova primavera.

La poesia I° Maggio Ellenico, datata I° Maggio 1979, è tratta dalla silloge Se tu ed io ed altri ancora, “Impegno 80”, 1982.

 

Rolando Certa visto da Carlo Puleo

Molti sono i meriti dello scomparso poeta mazarese verso la città del Vallo; a partire dalla fondazione nel lontano 1963 assieme a Nat Scammacca, Gianni Diecidue e Santo Calì dello “Antigruppo”, un importantissimo sodalizio letterario che in nome della sensibilità sociale e forte della tradizione di scrittori e poeti del calibro di Verga, De Roberto; Pirandello, Brancati, Sciascia e Quasimodo, si seppe eregere contro il sofisticato “Gruppo 63 “ che era piombato a Palermo proprio nel 1963 ben foraggiato dalle ricche case editrici del Nord Italia a pontificare il disimpegno e lo sperimentalismo fine a se stesso.
Innumerevoli furono le manifestazioni culturali organizzate dall’Antigruppo nel territorio della nostra provincia, ma anche nel resto della Sicilia, in Italia e in tanti altri paesi europei. Manifestazioni come recitals, dibattiti, conferenze ecc. mai localistiche e provinciali, ma sempre improntate all’apertura verso l’altro che poteva essere il greco, il tunisino, l’egiziano, ma anche il poeta beat d’oltre Atlantico.
Altra importante iniziativa dell’infaticabile poeta mazarese fu la pubblicazione della validissima rivista “impegno 70” poi “Impegno 80” alla quale collaborano tantissimi autori tra i quali ricordiamo Leonardo Sciascia, Giuliano Manacorda, Costas Valetas, notissimo scrittore greco, Ignazio Buttitta e tanti altri come Ferlinghetti e Gregory Corso; notissimi autori della Beat Generation. Ma il merito maggiore di Rolando è indubbiamente quello di aver organizzato “Gli incontri dei popoli del Mediterraneo” tenuti a Mazara con cadenza biennale dal 1977 al 1988 ai quali parteciparono, oltre ai ricordati autori, anche Rafael Alberti, Michail Graint importantissimo storico della civiltà mediterranea, Slama Hassan professore di arabo all’università di Palermo, Febo Delfi porta neogreco e tanti altri.
Detti incontri fecero di Mazara un invidiabile centro di cultura mediterraneo di grande apertura internazionale che faceva scrivere a Nicolò Vella un significativo opuscolo dall’emblematico titolo “Mazara del Vallo, un ruolo internazionale”.
Rolando Certa non fu solo un animatore culturale, ma anche un vero poeta, una delle più significative voci siciliane della seconda metà del nostro Novecento italiano: un poeta radicato nella nostra città. Il famoso critico letterario Antonio Saccà dice della poesia di Rolando: ” non so se in futuro qualcuno si occuperà di letteratura rilevando ancora i luoghi, il clima, le condizioni sociali che influiscono sul modo di sentire e di pensare degli artisti”.
Questo scritto sopra mi veniva in mente leggendo le poesie di Rolando Certa perché tali poesie mi ricordavano i soli infuocati della Sicilia, le sue spoglie vallate, i fiumi secchi dove restano le pietre, una Sicilia che Rolando sa evocare incandescente di colori e poeti.
Un’altra lirica più limpida della prima canta un dolcissimo risveglio in un luogo caro al poeta: “oggi mi sono svegliato col sole / nella casa di mia madre / irrompeva da tutte le finestre / mi sembrava il primo canto / l’alba della vita “e continua” colomba ebbra di sole / la brezza d’Aprile / ti gonfia le piume bianche“.
Lirica impegnata o lirica pura la poesia di Rolando si nutre delle atmosfere dei colori e dei drammi della nostra terra. Solo poche citazioni per dimostrare, se ce ne fosse bisogno, il valore poetico di Rolando e il suo totale attaccamento alla nostra città. A volte il poeta esplicita i luoghi ed anticipa i tempi come nella bellissima lirica “… città sul mare dove così canta: è la mia città sul mare / a quest’ora è un turbine gli alberi faticano a reggersi / E’ un vento che viene lontano nella mia città arrivano i tunisini / altre bocche da sfamare”.
I brevi passi che abbiamo citato ci bastano a dimostrare il radicamento e il grande valore poetico dell’autore e quindi il diritto ad essere ricordato, letto e recitato soprattutto nella sua città.

[tratto da un articolo di Salvatore Ingrassia su L’Arco del 1/1999]

Rispondi